Linkedin per trovare lavoro: come ottimizzare il tuo profilo personale

da | Mar 16, 2021 | Carriera, Digital Blog, Mamilia, Social media, Web Marketing | 0 commenti

COME  TROVARE LAVORO CON LINKEDIN?

  • Sei alla ricerca di un nuovo lavoro?
  • Ti stai reinventando?
  • Vuoi cambiare lavoro ma non sai da dove iniziare?

 

Linkedin è il primo social network per trovare lavoro in Italia.

 

Sì, questo forse lo sapevi già.

Ma hai mai provato a cambiare lavoro utilizzando seriamente Linkedin?

Leggendo questa rubrica a puntate dedicata a Linkedin:

  • Imparerai come usare il tuo profilo Linkedin per trovare lavoro.
  • Saprai cercare offerte di lavoro e aziende su Linkedin.
  • Riuscirai a farti notare su Linkedin per aumentare follower e opportunità di lavoro.

Oggi partiamo quindi primo step, essenziale per essere visibile ai recruiter e alle aziende che cercano lavoro su Linkedin.

 

ESPERIENZA

Vai immediatamente nella tua area privata e scorri fino alla sezione Esperienza lavorativa. Ignora, per il momento, tutto ciò che c’è sopra questa area, perchè la compilerai in un secondo momento. 

Nell’area esperienza, inserisci tutte le più rilevanti esperienze che riguardano la tua carriera professionale. 

Se sei freelance puoi scegliere di:

  • Indicare semplicemente il tuo job profile e in descrizione specificare le collaborazioni attuali.
  • Inserire i clienti in “esperienze” diverse, andando a specificare le attività per ognuna.

Ti consiglio questa seconda opzione solo se sono clienti davvero rilevanti e se incidono positivamente sulla tua reputazione e competenza.

Per ogni esperienza lavorativa specifica sempre:

  • Qualifica -> se è possibile, scegli una delle qualifiche che compaiono come suggerimenti automatici, altrimenti personalizzala. Considera che i suggerimenti automatici sono keywords che provengono da ricerche già fatte dalle aziende o posizioni lavorative inserite da altri utenti, quindi potrebbero avvantaggiarti nella visibilità del tuo profilo.
  • Azienda -> fai una ricerca prima di caricare l’esperienza per verificare se l’azienda ha una pagina su Linkedin. In questo caso potrai “menzionarla” perchè comparirà tra i suggerimenti.
  • Date di inizio e fine della tua collaborazione.
  • Settore di appartenenza della tua esperienza.
  • Descrizione. Qui impegnati al massimo per valorizzare le tue competenze impiegate ed acquisite durante questa esperienza. Specifica le mansioni che hai svolto, i clienti per i quali hai lavorato, vai quanto più possibile nel dettaglio ricordandoti di non annoiare. Profondo ma sintetico insomma. 

 

FORMAZIONE

Ora che hai inserito tutte le esperienze lavorative, passiamo alla formazione.

Anche qui vale la logica della rilevanza. Seleziona quindi i percorsi di formazione che hanno arricchito le competenze del tuo attuale job profile.

“E se ho cambiato completamente lavoro?”

Questo capita sempre più di frequente. Il mio consiglio è di citare la tua esperienza pregressa mettendo in luce le skills, non solo teniche ma soprattutto “umane”, che hai acquisito e che ti hanno portato valore e differenza nella tua attuale attività.

Nella sezione formazione di Linkedin specifica non solo la tua formazione scolastica come Università, istituti tecnici etc ma soprattutto i corsi specifici che hanno consolidato e aumentato le tue competenze nella tua area professionale.

Anche qui, come nella sezione aziende di “Esperienza”, hai la possibilità di menzionare gli istituti che ti hanno rilasciato il diploma. 

Per ogni corso di studi quindi specifica i dettagli seguendo lo schema guidato:

  • Scuola o università -> in realtà puoi specificare anche altri enti di formazione, alcuni hanno aperto delle pagine aziendali quindi puoi menzionarli
  • Titolo di studi -> specificalo se è una laurea, un diploma o un master
  • Corsi di studi -> il titolo del corso
  • Periodo di frequenza
  • Valutazione
  • Attività specifiche o Associazioni se presenti
  • Descrizione -> qui descrivi brevemente le competenze che hai acquisito grazie a questo corso. 
  • Puoi infine caricare un media e ti consiglio quindi, se rilasciato, di caricare il tuo certificato

La sezione Certificazioni e Licenze è invece specifica per caricare le certificazioni rilasciate a seguito di corsi di specializzazione. 

Molte delle piattaforme di formazione online permettono di integrare il proprio profilo con le certificazioni.

Ti consiglio quindi di inserire quelle davvero rilevanti che giustificano e ti confermano un professionista di settore. Tieni presente che però non potrai descrivere il corso, come accade in Formazione, quindi ti consiglio di scegliere licenze e certificazioni conosciute e chiare. 

 

ALTRE INFORMAZIONI

Ci siamo, il più è fatto!!

Ora devi inserire altre brevi informazioni: non sottovalutarle perchè Linkedin da priorità di visualizzazione ai profili completi dal 90% in su, quindi queste sezioni ti aiutano ad avere un perfetto profilo su Linkedin per trovare lavoro!

  • Volontariato: fai parte di qualche associazione? É indubbiamente un valore aggiunto da inserire
  • Competenze e referenze: questa è la sezione non autoreferenziale di Linkedin. Specifica quello per cui “brilli” e chiedi ai tuoi collaboratori di confermarti le competenze. Ti aiuterà a crescere.

Novità!

Da poco Linkedin ha introdotto la possibilità di metterti alla prova con un quiz rapido su alcune delle competenze più richieste dai recruiter. I test sono in inglese e devi raggiungere almeno il 30% di risposte esatte.

 

Ultima parte: i traguardi! 

Questa è una sezione abbastanza libera, dove puoi segnalare cose importanti della tua vita professionale. 

E ora….ripassa dal via :-P!

Te n’eri dimenticata/o eh?

Dobbiamo ancora personalizzare la tua INTRODUZIONE DEL PROFILO LINKEDIN. 

Prima di andare avanti, ecco alcuni consigli:

  • Qui ci deve essere il tuo CORE BUSINESS, chiaro e tondo. Chiediti quindi per quale attività, competenza, ruolo, posizione vuoi essere chiamato e specifica. Dire “faccio tutto” non è una buona strategia. 
  • Presta attenzione a mettere in evidenza il tuo ruolo attuale ma senza far capire che sei competamente occupata/a. Altrimenti finiranno per escluderti a priori.
  • Sotto la tua job description troverai un area dove puoi dire ai recruiter che sei disponibile a lavorare, indicando mansioni e tipologia di collaborazione.
  • Infine, se manca qualcosa nel tuo profilo, puoi inserirla dall’opzione “Aggiungi sezione profilo”.

Il consiglio visual.

Foto e immagini di progetti, portfolio, collaborazioni ti aiutano ad alleggerire la lettura da parte delle persone e a far capire velocemente chi sei e cosa fai.

Per l’immagine del profilo su Linkedin scegli un bel primo piano dove ti riconosci a pieno. Meglio se è una foto scattata da un professionista.

Nella copertina, scegli qualcosa che ti rappresenta, dalla quale si comprendano i tuoi valori. 

Nella sezione “in primo piano”, puoi caricare:

  • Portfolio con le tue esperienze
  • Copertine di libri o articoli che hai firmato
  • Foto di progetti particolari
  • Post o Articoli che hai pubblicato su linkedin

E tutto ciò che ti rende più qualificato nel tuo lavoro. 

 

In bocca al lupo!

Sara Fiorentino

Sara Fiorentino

Digital strategist

🌷 Aiuto le donne e le mamme a comunicare il loro brand in modo efficace.
🤱🏻 Lavoro per un mondo dove la maternità non sia più un buco nel CV.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *